Ristorante Rosso Carne – Genova – 14.6.2013

Post 83 of 111
Ristorante Rosso Carne – Genova – 14.6.2013

L’ospite della serata è don Max!!! amico di Ferentino che, direttamente dal Tempio del Golf di Gleneagles, è giunto in Italia per partecipare al primo torneo di golf organizzato dalla mia società.

L’occasione è ghiotta, l’ospite d’onore si è espresso in favore di un pasto da predatori… a base di carne! Per questo tipo di nutrimento è necessario avere canini ben sviluppati pertanto, i dotati di soli molari devono stare a casa a mangiare delle bietole.

Si inizia con un ottimo aperitivo… giusto per far salire un po’ d’appetito (come se ce ne fosse bisogno)… alle 21.15, il tavolo è pronto… inizia la battaglia!!

Rosso Carne è un ristorante abbastanza recente a Genova… a gestirlo Paola e Mauro che già conoscevo e che si occupavano già di ristorazione sempre nel settore della carne.

Il locale è nel Centro Storico di Genova, zona di movida, via Ravecca, piccolo, grazioso, all’interno un banco frigo dal quale poter scegliere il taglio di carne che si preferisce.

L’offerta è principalmente indirizzata sulla carne cruda e le sue varianti davvero stuzzicanti ma, ovviamente, si possono anche trovare alcuni primi e taglieri vari di salumi (alcuni fatti proprio da Mauro).

Ordino il Tris + 1 di Tartare (anche se in realtà me ne portano 5 di tartare da 50 gr: classica, al pesto, al tartufo, con le noci e con le cipolle caramellate e l’aceto balsamico) e una Fiorentina che avrò il piacere di condividere con l’amico di Ferentino.

Altri ordinano, chi un Carpaccio parmigiano e pinoli, chi il Rosso Burger, chi un Filetto e chi il T-Bon Burger.

Il misto di tartare è suggestivo (anzitutto sono battute al coltello sul momento e questo è ovviamente un plus), gli accostamenti con il pesto, con le cipolle caramellate, con le nocciole sono molto interessanti e comunque rendono l’idea delle possibili varianti in tema di carne cruda … l’idea è ottima … bel risultato!

Anche il carpaccio, che rubo avidamente dal commensale accanto a me, è buono, divertenti i toppings ma, soprattutto, buona la materia prima, carne davvero ottima. La fiorentina (1.8 kg) è perfetta… squisita… cotta benissimo, succulenta… un bel mangiare.

Assaggio anche il piatto della Patty, il Rossoburgher (350 gr. di hamburger con la salsa dello chef) e devo dire che la testimonianza fotografica mi è costata un bel po’… il super telefono è finito nella salsa d’accompagnamento e, mentre sto scrivendo, viaggia verso il centro di assistenza più vicino.

Ma torniamo al piatto… Buono, è comunque un hamburger cotto in padella con una salsa ruffianissima, sicuramente non un piatto memorabile comunque molto goloso.

Il T-Bon Burger è un hamburger di 420 gr modellato con un coppapasta (realizzato appositamente) a forma di T-Bon Steak, cotto sulla piastra e accompagnato con una salsa alla senape. Idea divertente… rimane pur sempre un hamburger alla piastra.

Il tutto è stato accompagnato da dell’ottimo Ripasso della Valpolicella – Solane e del Rosso di Montalcino – cantina di Montalcino… bene così!!!!

In ultimo, per agevolare la digestione, il Conto…

45 eurini a testa, con fattura.

Tenuto conto di ciò che si è mangiato e, soprattutto, bevuto è un conto adeguato e penso che valga la pena di farci un passo.

Galleria Fotografica:

Tags: , , ,

Piero

This article was written by Piero

Mi chiamo Pierdomenico Cariello e in cucina sono piuttosto curioso... credo che potrei assaggiare qualunque cosa!